Cerca
  • Roberta

Artinbosco



Amo il bosco, mi regala sempre una sensazione di pace e serenità.

Il silenzio, il canto degli uccellini, le foglie che si muovono al vento, il rumore dei sassi sotto i piedi, la magia quando si ha la fortuna di incontrare uno scoiattolo... è come se tutto fosse amplificato, come se il corpo e la mente si liberassero da tutto per accogliere la natura e ricaricarsi.


Uno dei miei boschi preferiti è quello di San Clemente in Capriasca. Oltre alla sua naturale bellezza e cura, ci sono le opere di artinbosco ad arricchirlo: un percorso lungo il quale si è accompagnati da opere d'arte realizzate con materiale naturale che si integrano nel paesaggio in modo armonioso, stimolando la curiosità di grandi e piccini. Si può vivere come una caccia al tesoro o più semplicemente una passeggiata in un luogo magico dove la natura incontra l'arte. Ogni opera è stata realizzata da un artista diverso e trasmette un messaggio. La mia preferita è la "Rinascita".

Ma partiamo dall'inizio: la partenza, appunto. Si parte da Tesserete (zona piscina) oppure da Vaglio, vicino all'Azienda agricola della Fondazione La Fonte. Consiglio la partenza da Tesserete per la presenza di un maggior numero di posteggi e perché più comodo per abbinare alla passeggiata un tuffo in piscina (in estate) oppure un po' di divertimento al parco giochi Melontano.

La passeggiata è semplice, adatta anche ai bambini più piccoli se abituati a camminare. Noi ad esempio lo abbiamo fatto con Sofia (2 anni e mezzo) in un paio d'ore andata e ritorno.

Consideriamo il punto di arrivo la Torre di Redde, dove un tempo sorgeva un villaggio medioevale. Qui potrete trovare la Chiesa di San Clemente, la Torre di Redde e tavoli con panchine per un picnic. Quando siamo andati noi c'era anche una bella capannina, perfetta per momenti di gioco.

Da non perdere ogni due anni la Festa di Redde, dove il villaggio medioevale torna in vita ed accoglie i visitatori con cibo, giochi e bancarelle. PS è necessaria la moneta Redde per poter acquistare, ma non temete, potrete cambiare il vostro denaro direttamente sul posto. Maggiori informazioni qui.


A questo punto avete diverse possibilità per la via del ritorno, l'opzione più facile è quella di tornare dalla stessa strada che avete fatto per salire così arriverete più facilmente al vostro punto di partenza.

Se decidete di fare questa bellissima passeggiata in autunno portate con voi uno zaino o un sacchetto per raccogliere le castagne :)


Segnaliamo a Vaglio la possibilità di acquisto di prodotti locali presso l'azienda agricola La Fonte (in settimana, verificare giorni e orari di apertura) o presso un punto vendita self service sempre vicino all'azienda agricola.


Un po' di informazioni pratiche:

- punto di partenza: Tesserete, raggiungibile con bus o auto

- adatto a tutti i bambini, interessante a partire da 2+

- accessibile con passeggino ma solo per modelli fuoristrada (vedi immagini e video del terreno); non accessibile in sedia a rotelle

- durata: 2 ore, andata e ritorno

- non ci sono fontane lungo il percorso (ce n'è una al parco giochi Melontano ma non sempre attiva)

- diversi ristoranti in zona. Fra i nostri preferiti: il Ristorante Fagiano da Eros (specialità: costine e grigliata d'estate, fondue chinoise marinata in autunno/inverno), consigliata la riservazione (siamo in molti ad apprezzare la sua cucina).

- Diverse possibilità di acquisto di prodotti locali in zona: Azienda agricola la Fonte a Vaglio, punto vendita self service a Vaglio, Azienda agricola La Caldera a Ponte Capriasca, Azienda Agricola La Sorgente a Gola di Lago, possibilità di acquisto self service di alcuni prodotti del laboratorio agricolo OTAF a Origlio.

- Da non perdere: la famosa Festa di Redde dove il villaggio medioevale torna in vita per accogliervi in un clima di festa, con cibo, giochi e bancarelle. Qui maggiori informazioni.

90 visualizzazioni

©2020 di Sorprenditi